#51 - Pericolo scampato
Off-topic: ovvero attenzione ai raggiri in rete

Oggi voglio andare off-topic con il blog per parlarvi di un episodio accadutomi alcuni giorni fa. Voglio mettervi a conoscenza dell'episodio perché è una cosa che secondo me è importante e vorrei che non accadesse ad altri. 

Tutto inizia quando decidiamo, io e mia madre, di mettere in vendita su un sito di vendite on-line due prodotti che non desideriamo più tenere (una sedia a rotelle ed un materassino anti-decubito). Il 15 settembre apro il mio profilo su questo sito ed inserisco i prodotti con le foto e tutte le informazioni al riguardo, specificando che la consegna la eseguiremo nei dintorni del mio paese. Fin lì niente di strano, c'è anche da dire che la sedia era la seconda volta che la inserivo e che non essendo andata a buon fine la vendita l'avevo reinserita.

Mi allontano dal sito e dalla mia casella di posta un paio di giorni, principalmente perché mi dimentico ogni tanto di dare un'occhiata alla posta. Quando poi vado a verificare se ci sono  messaggi, vedo che esattamente il giorno stesso all'inserimento della sedia, una tizia (non faccio il nome) mi contatta perché desidera acquistare questa sedia.
Inizialmente sono stata felice di aver già trovato un potenziale acquirente, ma passata la "gioia" iniziale, leggo ciò che mi scrive. Mi dice di essere francese, ma di lavorare in Costa d'Avorio e che spera venirci incontro sul prezzo. Per quanto riguarda la consegna dell'oggetto non è stata molto chiara. Prima di dare subito il via alle trattative le chiedo come, esattamente, intende provvedere al ritiro della merce e quasi subito mi risponde verrà effettuata tramite una ditta di spedizioni ed imballaggio, il tutto a sue spese. Stranamente mi rimarca il fatto che il pagamento intende farlo tramite bonifico bancario e che le servivano le mie coordinate. Inoltre questa volta mi allega lla mail la foto della sua carta d'identità, numero di telefono ed indirizzo.
Non so perché mi è saltata subito la pulce all'orecchio, perché mi dicevo: "Chi è che manda la fotocopia di una carta d'identità ad un perfetto sconosciuto?". In fin dei conti nemmeno lei sa con chi sta trattando, avrei potuto essere un inserzionista che sta giocando (cosa che non è così, solo per fare un esempio).

Per togliermi ogni eventuale dubbio, cerco in rete il suo nome, ipotizzando che la stragrande maggioranza delle persone ha almeno un account su un social network. Ma non trovo niente al riguardo, la tizia non è su Facebook, non è su Twitter e nemmeno su Linkedin. Mi sono detta, strano che una persona che lavora non abbia un profilo in rete.

Poi ho cercato su Google Immagini per verificare che la carta d'identità francese avesse lo stesso aspetto di quella che mi ha mandata questa persona ed in effetti corrispondeva. Ma c'è sempre l'eventualità che se fosse veramente un malintenzionato avrebbe potuto modificare digitalmente la foto con un normalissimo programma come Gimp o Photoshop.

Ho eseguito un'altro tipo di ricerca, sempre su Google Immagini, digitando il nome di questa persona insieme alle parole "carta d'identità". Tra i risultati nelle foto, spicca tra i primi risultati uno screen della home-page del sito di compravendita. Vado all'articolo associato e scopro che c'è una truffa su questo sito da parte di persone dalla Costa D'Avorio e proprio tra i commenti all'articolo spunta, guarda caso, il nome della presunta acquirente.

Allora ho mandato una mail di risposta alla tizia dicendole che non avrei dato nessuna coordinata bancaria dopo aver letto un articolo in rete. Non mi ha più risposto! Sventato pericolo :)

Quindi attenzione!
Dopo questo fuori programma ci si legge al prossimo post, più in tema con il blog. Vi lascio il link all'articolo che ho trovato, non sia mai che vi possa tornare utile: CLICCA QUI


Creative Commons License

Commenti

Questo blog è nato da
vi sono stati pubblicati articoli
e vi sono stati postati
commenti.