#42 - Pagare in visibilità: perché è sbagliato?

L'illustrazione probabilmente è un po' grottesca ma è un po' il senso dell'argomento di questo post. Tratta di un tipo di episodio che succede ad almeno il 90% dei disegnatori.
Alcuni disegnatori che frequentano Facebook sono incappati nel Tizio (nome generico che può riguardare una persona o un azienda) che fa questa richiesta:

"Mi fai un disegno ed io ti pago in visibilità!"

Suddividerò il post in questi punti:

  1. Esporre l'episodio senza entrare troppo nei particolari, soffermandomi sui punti salienti.
  2. Considerazioni personali mostrando i motivi per cui ritengo che il comportamento sia sbagliato. Magari facendo degli esempi che spero possano fare chiarezza sul perché i disegnatori, in quel determinato episodio, si siano coalizzati contro Tizio.
  3. Infine alcune dritte. Non voglio dare consigli perché alla fine ognuno decide con la propria testa, ma solo dare degli spunti su cui riflettere.
Ma prima di procedere però con l'argomento del post devo fare alcune precisazioni. Se qualcuno dovesse riconoscersi nell'episodio che esporrò sappia che non è mia intenzione continuare la discussione su questo spazio, anche perché sono cose che capitano, purtroppo, molto frequentemente. E ciò che è successo in questi ultimi giorni mi serve solo da spunto per l'argomento del post. A differenza di molti, che tendono a fare il nome dell'accusato io invece non lo farò, perché anche se lo si fa nelle buone intenzioni, l'unico risultato che si ottiene dal citare il colpevole è proprio quello di aumentarne la visibilità. Specialmente se la persona in questione ha un canale su Youtube e guadagna denaro dal numero di visualizzazioni. Basti pensare che nel giro di tre giorni circa, esattamente da quando è iniziata tutta la storia, la sola fan-page è passata da tredicimila a diciassettemila iscritti, persona più persona meno. Quindi pensateci bene, conviene davvero rodersi il fegato per persone del genere? Noi disegnatori ci facciamo la guerra è lui ne guadagna su questo. 
Ora passiamo ai punti esposti poco fa.

COSA È SUCCESSO?
Tutto è iniziato su un gruppo di disegnatori di Facebook, dove Tizio ha fatto una richiesta agli iscritti. Ha chiesto se tra i disegnatori del gruppo ci fosse qualcuno disponibile per realizzare una grafica per una maglietta che avrebbe poi mostrato in uno dei suoi video. Fin lì niente di strano, soltanto che anziché pagare in denaro (bastava anche una cifra simbolica come €5 come avevano proposto i disegnatori) avrebbe ricambiato in visibilità. Ovviamente molti hanno risposto di no in maniera educata altri in maniera sarcastica, fatto sta che Tizio, offeso dal fatto che gli fosse stato dato un rifiuto, ha iniziato a offendere il lavoro del disegnatore, affermando che farsi pagare per certi "disegnini" era assurdo e via discorrendo. Non sto a scrivere ogni singola frase educata o meno che sia stata detta (da entrambe le parti) è inutile scriverla qui. Dopo questo rifiuto e le prime discussioni, Tizio è stato rimosso (non ho ben capito se dall'amministratore o di sua iniziativa). C'è da sottolineare una cosa, le magliette lui le avrebbe inserite in un sito, dove sarebbero state vendute con una sua percentuale dalle vendite. Quindi un disegnatore avrebbe fatto il lavoro gratis, lui avrebbe venduto la maglietta, ma l'unico a prendere soldi sarebbe stato Tizio. Il disegnatore non avrebbe visto nemmeno un centesimo.

La cosa poteva definirsi conclusa, invece Tizio, sulla sua fan-page ha spiegato in un lunghissimo post quello che gli era successo. Ma lo ha fatto omettendo alcune cose e variando (di molto) le risposte che gli sono state date. Non so se per fare la vittima o per farsi ulteriore pubblicità. Una volta raggiunta l'attenzione dei disegnatori e non, avrebbe rimosso poi il post dalla pagina ed allo stesso tempo bloccato tutti quelli che gli sono andati contro. Io se fossi stata in lui, dal momento che mi è stato detto di no ad una richiesta avrei chiuso lì la faccenda.

Di tutta la faccenda una cosa, o meglio una frase da lui detta e che mi ha fatto rabbrividire è stata: "Ripaga meglio la visibilità, piuttosto che 50€"

CONSIDERAZIONI PERSONALI!
Passiamo al motivo per cui ritengo che la visibilità non ripaga. Nel caso specifico, come è stato anche scritto nel post di Roba Da Disegnatori qualche tempo fa, quante probabilità ci sono che un cliente chieda alla persona che vende un prodotto, chi ha disegnato quella maglietta? Inoltre la quasi totalità delle persone che seguono Tizio, hanno poco o nulla a che fare con il disegno. Non ci sono editori, galleristi e addetti ai lavori che possano vedere un determinato disegno su una maglietta, che poi ammettiamolo, un editore non cerca un disegnatore che stampi sulle magliette!
Un altro fattore importante, è che nonostante il canale e la fan-page di Tizio siano seguiti da "milioni e milioni" di persone non vuol dire che il 100% degli iscritti veda ogni cosa che pubblica. Io sono iscritta a tantissime pagine su Facebook, e vi assicuro che non riesco a seguirle tutte. Pertanto neanche in visibilità riesci a pagarmi! 
Ribadisco che questo discorso può valere anche per altri casi simili, ad un disegnatore capita, purtroppo, anche troppo spesso di incappare in personaggi con questo tipo di mentalità.

DRITTE!
Ai Tizi.
Vi faccio un esempio. Mettiamo il caso che compriate un televisore o un mobile per la casa. Sono oggetti che vengono disegnati, progettati, assemblati da persone. E vengono poi imballate e spedite da altre persone. Tutte le persone che hanno lavorato a quell'oggetto si suppone siano state pagate; persino quello che lo imballa o che lo spedisce a casa o in negozio, viene pagato. In denaro e non in visibilità! Quindi perché io come disegnatore devo "accontentarmi" della visibilità. Un disegnatore è un lavoratore come lo sono tutti gli altri. E come gli altri dovrà campare con qualcosa! Non lo fa per "sport" come ho sentito dire da qualcuno.
Un'altra cosa. Se avessi chiesto un disegno ad una persona che di lavoro fa altro, che so l'avvocato per esempio, questo poteva anche disegnare per te gratis, tanto il suo stipendio ce l'ha. Ma avendo chiesto un lavoro ad un disegnatore mi sembra normale che questo voglia essere pagato, non credi?
Ai disegnatori.
Il consiglio che posso darvi è diffidare da chi vi promette visibilità per un vostro disegno. Può anche starci all'inizio (mi è successo, non sono immune), ma non sempre. Almeno se intendete farne un lavoro.

Ma poi la cosa è soggettiva e a discrezione del disegnatore. Ognuno fa le scelte con la propria testa. :)

Il senso dell'illustrazione qui sopra è questo: "Io (Tizio), mi faccio il 100% di sconto e ti pago con la visibilità!".
Bene dopo questo lunghissimo post, almeno secondo i miei standard, raro che ne crei così lunghi, riprenderanno quelli dove l'unica cosa che conta sono le Illustrazioni! A presto.


Creative Commons License

Commenti

Questo blog è nato da
vi sono stati pubblicati articoli
e vi sono stati postati
commenti.