#29 - Nani da giardino

Tool: PS CS6
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.
Qualche tempo fa, mentre facevo zapping in televisione (che ultimamente non c'è niente che mi interessi) mi sono imbattuta nel programma Lorem Ipsum  di Deejay-Tv. Un programma in cui si analizzano dei video presi dal web con un tema portante per ogni puntata. Conosco il programma, anche se non lo seguo assiduamente, quindi non saprei dire se quella che ho visto fosse una replica o le nuove puntate. Rimane il fatto che l'argomento di quella puntata mi ha un po' incuriosito. Tanto da farci un post, un disegno e un'idea per nuovi tipi di illustrazioni.

Si parlava dei nani da giardino e di coloro che si impegnano a "salvarli" dai giardini per liberarli nei boschi. Scopro anche che non si parla di una piccola cerchia di persone, ma che in giro per il pianeta sono in tanti che si impegnano a tale scopo.
E come diceva il grande Corrado: "E non finisce qui!"
Sì, perché c'è chi è andato oltre...
Per esempio c'è chi sostiene (almeno così spegava il programma) che abbandonare i nani nei boschi non sia saggio. Non perché avrebbero inquinato la natura, ma perchè i nani, non sono più capaci di sopravvivere da soli e così molti gli costruiscono delle piccole case negli incavi degli alberi. Case con porte, mobilio e cassetta della posta compresa. In una di queste c'èra anche una piccola bandiera americana (come fai a dire che quel nano fosse americano? Magari era scozzese!).

Così, pensano che i nani, grazie a queste loro nuove case si siano stabiliti definitivamente nei boschi e che anzi, alcuni vivano perfino in mezzo a noi, lavorando con e per noi. Convinti di averli addirittura visti nei bar o nei ristoranti a servire ai tavoli con in mano i vassoi da portata. O addirittura che lavorino sulle piste degli aeroporti addetti al ritiro bagagli.
Che poi non capisco perché proprio questi lavori in cui c'è da portare qualcosa a qualcuno. Si liberano i nani dai giardini per poi metterli a servire ai tavoli! Bah!

Lancio una piccola provocazione. Ma anziché salvare i nani, non si possono salvare gli animali maltrattati, persone in pericolo o bisognose veramente di aiuto?

Ma a parte tutto quello che ho scritto, vi spiego qual è la mia idea nata dall'ascolto di questo servizio. L'idea nasce nel punto in cui si parla delle case costruite per i nani. Io anziché costruirle, me le disegno, ma in modo diverso. Voglio fondere delle fotografie che ho scattato e che possono essere adatte allo scopo e modificarle fingendo che ci siano delle case dei nani. Qui metterò la versione modificata e sul mio blog di fotografie la foto originale.
Ho già delle idee in mente che non vedo l'ora di iniziarle! ^^

Commenti

Questo blog è nato da
vi sono stati pubblicati articoli
e vi sono stati postati
commenti.